GALAPAGOS (K. VONNEGUT)

Non solo: in un cero senso, si sarebbe detto che l’uomo in questione fosse già stato colpito da un meteorite, ovvero dall’assassinio di sua madre per mano di suo padre. E in verità, la sua sensazione che la vita fosse un incubo affatto privo di costrutto, senza alcun spettatore, senza nessuno che si curasse di quanto stava accadendo, mi riusciva alquanto familiare.
E’ cosi che del resto mi sentii, dopo aver ucciso a fucilate una nonna nel Vietnam. Era curva e sdentata come lo sarebbe stata Mary Hapburn alla fine dei suoi giorni. Le sparai perchè aveva appena fatto fuori con una bomba a mano colui che nel mio plotone era il mio miglior amico e il mio peggior nemico.
Questo episodio mi fece rimpiangere di essere vivo, mi indusse a invidiare le pietre. Avrei preferito essere una meteorite al servizio dell’Ordine Naturale delle Cose.

info sul libro

Annunci

There are no comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: