IL CAPPOTTO DI ASTRAKAN (P. CHIARA)

Da quella gita comunque non sarei tornato a mani vuote. Non mi sarebbe più capitato, come altre volte, di tacere per timidezza e di accorgermi troppo tardi che se avessi osato… In uno dei libri del figlio della Lenormand avevo trovato dei versi che sembravano scritti apposta per me: “Par delicatesse / j’ai perdu ma vie”. Per delicatezza, cioè per troppa discrezione, per timore di abusare, di offendere o anche solo di sorprendere le persone che mi avevano concesso amicizia e confidenza, avevo sprecato la mia vita.

info sul libro

Annunci

3 Risposte

  1. ah, ne so qualcosa mi sa… Per fortuna che col tempo si cambia e a volte in meglio.

  2. languori lacustri, piero chiara dispensa callidae verità…ne sappiamo nick–? andiamo in gita!

  3. sisi, Parigi! con un cappotto di astrakan!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: