LIRE 26900 (F. BEIGBEDER)

Tutto si compra: l’amore, l’arte, il pianeta Terra, voi, io.
Scrivo questo libro per farmi licenziare. Se mi dimettessi, non beccherei l’indennità. Mi tocca segare il confortevole ramo su cui sto appollaiato. La mia libertà si chiama sussidio di disoccupazione. Preferisco essere sbattuto fuori da un’impresa che dalla vita. Perchè ho paura. Intorno a me i colleghi muoiono come mosche: idrocuzione in piscina, overdose di cocaina fatta passare per infarto del miocardio, jet privati che si schiantanoo, capriole in cabriolet.
Ora, questa notte ho sognato che affogavo. Mi sono visto affondare, carezzare le mante, con i polmoni pieni di acqua. Lontano, sulla spiaggia, una bella donna mi chiamava. Non potevo risponderle perchè avevo la bocca piena di acqua salata. Annegavo ma non gridavo aiuto. E tutti facevano la stessa cosa. Il mare era pieno di nuotatori che affogavano senza invocare soccorso. Penso sia ora che lasci tutto perchè non riesco più a stare a galla.
Tutto è provvisorio e tutto si compra. L’uomo è un prodotto come gli altri, con una data di scadenza. Ecco perchè ho deciso di andare in pensione a 33 anni. Pare sia l’età migliore per resuscitare.

info sul libro

Advertisements

4 Risposte

  1. Non so se tutto si compra ma sicuramente tutto ha un prezzo.
    Sopratutto la propria liberta’, sia intesa come possibilita’ di disporre del proprio tempo che come liberta’ di pensiero e di espressione.
    Forse e’ il contrario.

  2. se tutto ha un prezzo allora si può comprare tutto.
    🙂

  3. Si ma pagare un prezzo non e’ la stessa cosa che vendere/svendere qualcosa. E’ il contrario.
    Il prezzo te lo impongono mentre la vendita di solito e’ facoltativa.
    Forse possiamo dire che e’ questione di scopi e di modi per raggiungerli. O di priorita’.
    Comunque dire che qualsiasi cosa si compra vuol dire dare per scontato che e’ sempre e solo questione di compromessi. E’ un principio relativistico, di inteterminazione, come dire che non esiste giusto/sbagliato ma solo una differenza di “costo”, quindi una probabilita’. Che, pagando o essendo pagati, a seconda del punto di osservazione, puoi fare/dire/essere letteralmente qualsiasi cosa. Abbastanza nichilistico.

  4. […] la percezione della qualità di questi pupazzetti, fatevene una ragione. Come c’è scritto su 26900 lire (libro di qualche anno fa di Beigbeder) la qualità la fa il […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: