TRILOBITI (B. D’J PANCAKE)

“Mai avuto un tetto sopra la testa, neppure quello. Rimani Sal”
Con la forchetta, Sally disegnava curve pigre nella zuppa di fagioli. Scosse la testa. “No, sono stanca di vivere di parole”.
“Queste non sono parole. Che cosa ti ha fatto stare con me cosi tanto tempo?”
“Le parole.”
“E l’amore?. L’amore non è parlare”
“Fare la puttana è parlare.”
La sua mano schizzò sopra il tavolo; per il colpo la testa di Sally si girò da un lato e lei diventò tutta rossa. Si tirò su con calma, mise il piatto nel lavello e camminò per l’ingresso fino alla camera da letto. Buddy la sentì accendere la televisione, ma il brusio diminuiva e lasciava spazio soltanto al guaire dei cani. Osservò il suo piatto che diventava freddo, mentre il grasso si incrostava sui bordi.

info sul libro

Annunci

Una Risposta

  1. Pancake ha una grandissima capacità (soggettiva), quella di farmi venir voglia di scrivere. Solo Hemingway è cosi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: