TRILOBITI (B. D’J PANCAKE)

“Non sono mai stata amata.”
“Cazzate, Sheila. Buster ti ha amato”
“Bus?” Con la mano si protegge gli occhi dai raggi dell’ultimo sole.
“Credeva che lo stavamo facendo al torrente.”
Lei si stringe le mani intorno alla nuca, sorride di nuovo. “Non sono mai stata con un uomo, ma vi volevo entrambi. Non mi hai mai voluto tu?”
Lui scuote la testa.
Lei gli lancia un’occhiata di traverso e le mani le scivolano via dalla nuca; indietreggia, si gira, affretta il passo verso casa. Osservandola andarsene tra i cespugli di coda di topo e gli alberi, lui spera che le i non si volti indietro; spera di non ritrovarla nel cortile pieno di gente.

info sul libro

Annunci

Una Risposta

  1. Uff… finito.
    Un bel libro, anzi forse dovrei dire bellissimo per come è scritto. Ma non so per cosa o per come, ho fatto una fatica esagerata ad arrivare all’ultimo racconto. forse è colpa dell’ambientazione montanara-boschifera-fattorifera ma più probabilmente è colpa della scrittura di Pancake. troppo densa. Ogni parola ha un peso enorme e nelle mie mattine distratte al parco mi perdevo il filo del racconto ogni due frasi. quindi è colpa mia. Pancake scrive da Dio ma non riesco a seguirlo. Colpa mia. Torno a leggere topolino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: