VENUS DRIVE (S. Lipsyte)

Quando mia madre stava morendo continuavo a scendere in strada a fumare. Magari voi credete che facessi la figura del paria ad accendere una cicca davanti a un reparto oncologico, ma nessuno ci faceva caso. Uomini calvi, donne calve, adolescenti calvi sedevano nel crepuscolo estivo, in vestaglia. Tagliuzzati, ricuciti, inghirlandati di flebo, avvelenati dalle loro inutili cure fosforescenti, tiravano boccate come eroi ribelli.

info sul libro

Annunci

3 Risposte

  1. Un libro e un autore sopravvalutato…

  2. Oh!
    Non ti è piaciuto? Come mai?

  3. Lipsyte scrive molto bene. Ma ho trovato noiosa la sua continua ricerca della battuta o della situazione ad effetto. La prima cosa che mi viene in mente è “americanata” quando penso al suo modo di raccontare. Molto “film”, molto modaiolo. Poca sostanza. Tutto qua.
    P.S.
    E’ forse il primo caso in cui non mi trovo d’accordo con i tuoi consigli 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: