UN INDOVINO MI DISSE (T. TERZANI)

Che brutta invenzione il turismo! Una delle industrie più malefiche! Ha ridotto il mondo a un enorme giardino d’infanzia, a una Disneyland senza confini. Presto anche nella vecchia, remota capitale reale del Laos sbarcheranno a migliaia questi nuovi invasori, soldati dell’impero dei consumi e, con le loro macchine fotografiche, le loro implacabili videocamere, gratteranno via quell’ultima naturale magia che lì è ancora dovunque.
Perchè in Asia quando un vecchio si vede puntare addosso una macchina fotografica, si volta, resiste, cerca di nascondersi, si copre la faccia? Lo fa perchè pensa che quella macchina gli porti via qualcosa di suo, qualcosa di prezioso che non puo ritrovare. E non ha forse ragione? Non è anche nell’usura di decine di migliaia di foto, scattare da turisti distratti, che le nostre chiese hanno perso la loro patina di  grandezza?

info sul libro

[O.L.] Capisco perchè Terzani è diventato cosi famoso. E chi l’ha letto ne sia rimasto folgorato. La sua scrittura è molto semplice e dice cose banali. Ma quando dice banalmente che viaggiare è vivere e racconta il suo viaggiare e il suo vedere e il suo conoscere, bè, banalmente capiamo che spesso la vita quotidiana di ognuno non è Vivere con la V maiuscola, ma un [banale] sopravvivere…
 

Annunci

There are no comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: