DOVE IL SOLE NON SORGE MAI (G. SCERBANENCO)

“Sei di nuovo qui, sei vittima di una serie di circostanze infelici, mentre io che sono stata infinitamente fortunata, non conosco nessuna delle tristezze che tu hai già conosciuto, e quindi non posso capire quello che tu provi e che tu senti. Non basta essere una professoressa di psicologia per entrare nell’animo di una ragazza come te, stritolata da un meccanisco più grande di lei.”

info sul libro 

[O.L.] Ecco una cosa che non mi è piaciuta del libro: Scerbanenco spesso nei dialoghi ci infila un suo pensiero o giudizio sul personaggio. In questo modo i dialoghi spesso diventano irreali, un pò troppo teatrali e poi, sopratutto, l’autore suggerisce delle chiavi di lettura che il lettore (io) non vorrebbe.

Advertisements

There are no comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: