IL CAVALLO DI TROIA (C. MORLEY)

“Mi piaceva quel verso del pino torto e scabro. Dove le prendi parole cosi espressive?”
“Sono tutto ciò che avevo. Non avevo nient’altro. Ma le parole sono una compagnia malinconica”
“Proprio di loro invece avevo bisogno”
“Se davvero hai bisogno di una cosa, questa cosa esiste. Voglio dire, che una cosa implica l’altra; ci deve essere una soddisfazione possibile, altrimenti non si sentirebbe il bisogno. non so spiegarmi”
“Spieghi tutto, tu”

info sul libro

[O.L.] Un regalo di L. Una satira della storia del cavallo di troia in cui appaiono nella narrazione riferimenti ad oggetti moderni (telefono, bar..). Però questi riferimenti non hanno nessuna importanza rilevante nella trama, sono solo un effetto fine a se stesso.
Poco consigliato a chi non è in grecia e a chi non ama la mitologia.

Annunci

There are no comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: