L’IMPORTANZA DI CHIAMARSI HEMINGWAY (1/3)

Amo Hemingway. Odio Hemingway.
Mentre leggo i suoi romanzi, i suoi racconti, le sue descrizioni, i dialoghi, ah i suoi dialoghi! penso spesso che sia la perfezione letteraria. Tecnicamente parlando. E questa mia sottomissione totale non mi ha mai fatto capire fino in fondo la faccia oscura dello scrittore che si manifestava in un’antipatia ingiustificabile verso l’uomo Hernest.
Non riesco mai a scindere lo scrittore dall’uomo, è una continua influenza bivalente che mi fa oscillare nei giudizi e nelle passioni.

“L’importanza di chiamarsi Hemingway” è una fantastica biografia scritta da Anthony Burges, che, ho realizzato solo alla chiusura del libro, è l’autore del bellissimo “Arancia Meccanica”. Questa biografia oltre a essere scritta bene, oltre a non essere rigida nella rappresentazione cronologica dei fatti, oltre a esser corredata da numerose fotografie, ha l’enorme pregio, di avermi fatto capire perchè Hemingway non mi sta simpatico.
Ora lo posso dire con coscienza.

***
Ed Hemingway insegnava al ragazzo a pescare, a usare attrezzi e armi, cucinare carne di cervo, procione, scoiattolo, opossum, piccione selvatico, pesce del lago. Non si doveva mai uccidere per il gusto di farlo, una regola che Hemingway avrebbe dimenticato in età virile. Così il giovane Ernest dovette inghiottire a forza un disgustoso e coriaceo porcospino cui aveva sparato senza motivo. L’abitudine di mentire, o esagerare, riguardo al coraggio manifestato nella vita all’aria aperta cominciò quando non aveva ancora compiuto cinque anni. Al nonno Hall raccontò di aver fermato un cavallo imbizzarrito con una mano sola.
***

La ricerca ossessiva della virilità è il motore dell’intera vita di Hemingway. Con il senno di poi lo rivedo chiaramente in tutti i suoi romanzi che ho letto.
L’uomo coraggioso, avventuroso, amato follemente da tutte le donne è un’immagine incredibilmente costruita a tavolino con la forza delle parole e dell’imposizione fisica.

***
Faceva parte della Croce Rossa, e non sarebbe mai stato ufficialmente un combattente in nessuna guerra, ma il mito dell’Hemingway guerriero sarebbe nato molto presto. Scrisse balle madornali agli amici in Kansas…
***

info sul libro

Annunci

There are no comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: