L’INFANZIA DEL MAGO (H. HESSE)

Una cosa desideravo ardentemente: diventare un mago.

A lungo questo desiderio e questo sogno mi rimasero fedeli, ma presto cominciarono a perdere tutta la loro forza, avevano dei nemici, ad essi si oppeneva dell'altro, qualcosa di reale, di serio, di innegabile. A poco a poco il fiore appassì, a poco a poco dallo sconfinato si fece largo qualcosa di limitato, il mondo reale, il mondo degli adulti. Lentamente, sebbene continuassi ad anelarvi ancora con ardore, il mio desiderio di diventare un mago divenne anche per me privo di valore, divenne una fanciullaggine. Qualcosa in me non apparteneva più all'infanzia. Il mondo del possibile, infinito, dai mille aspetti, si era ristretto, diviso in caselle, tagliato in compartimenti stagni.[…]

[…] Questa riduzione si compì senza che me ne accorgessi, impercettibilmente si dissolse la magia intorno a me.

info sul libro

Advertisements

There are no comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: